Parole della Madre - Festa del grazie 2007

Parole della Madre - Festa del grazie 2007 Ascolta il file audio della Madre

Care sorelle,
vengo a convocarvi tutte a Pétion-Ville (Haïti) per il 26 aprile. È il giorno dedicato a Maria, Madre del Buon Consiglio: una ricorrenza a noi particolarmente cara, da quando madre Ersilia Canta scelse questo giorno per celebrare la festa della riconoscenza a livello mondiale. Tale scelta avvenne durante il CG XV, nel 1969, e la festa fu celebrata in questa data per la prima volta nel 1970 a Roma-Casa generalizia.
Il suono del lambi haitiano ha raggiunto le 1488 comunità delle FMA nei cinque continenti unendole in una rete luminosa di comunione, di speranza, di gioia; una rete che avvolge il mondo nella lode e nel ringraziamento al Dio della vita. In Lui ci diciamo il reciproco ringraziamento per il dono di essere insieme chiamate a seguire Gesù educando tante giovani vite a riconoscere la bellezza di essere amate e di amare.
Seguendo il suggerimento delle nostre sorelle di Haïti, nel mese di preparazione alla celebrazione, siamo entrate nella danza dell’alleanza attraverso l’ascolto attento della Parola, che ci ha chiamate a un più profondo ascolto reciproco, a discernere con cura le modalità in cui far percepire, specialmente alle giovani e ai giovani, la tenerezza dell’amore del Padre che vuole la felicità di tutti i suoi figli e figlie.
Pétion-Ville è dunque il luogo a cui le comunità delle FMA e le comunità educanti delle nostre case volgono lo sguardo per condividere l’espressione della riconoscenza, della gioia e della festa. È bello far memoria, in questa circostanza, delle FMA della prima ora, missionarie e autoctone, che con un bagaglio di cose essenziali, ma ricche di fede in Dio, si sono inculturate per partecipare alla vita e alle aspirazioni del popolo haitïano, per dare speranza alle giovani generazioni. È per la generosità di queste sorelle che noi ora ci troviamo qui.
Unitevi a noi … per la vita e la speranza è l’invito delle sorelle haïtiane che ha unificato le energie di FMA e laiche/laici per convergere insieme verso le stesse mete educative, così che la vita cresca e porti frutti di comunione e di amore.
Il tema del Capitolo generale XXII sottolinea la chiamata ad essere segni e testimoni dell’amore preveniente di Dio. L’amore che riceviamo dal Padre diventa dono di speranza per i giovani, fiducia nella ricerca del punto accessibile al bene su cui far leva per sviluppare le potenzialità di ogni persona, specialmente delle giovani più svantaggiate.
Vi ringrazio, care sorelle, degli auguri accompagnati da segni di solidarietà con cui vi siete rese presenti. Vi ringraziano in modo speciale le ragazze, i ragazzi e le sorelle della comunità di Hinche.
Vi prego di interpretare nell’espressione della gratitudine i gruppi della Famiglia salesiana e le comunità educanti delle realtà in cui si svolge la vostra missione.
Restiamo in comunione, ponendo passi di alleanza che hanno il sapore del ritmo quotidiano, dove l'amore trova la sua concreta verifica.
Maria Ausiliatrice è con noi, ci fa comprendere e apprezzare ciò che è autentico ed essenziale nella vita umana: la speranza, l’incontro che vivifica, l’amore ricevuto e donato in risposta all’amore di Gesù.

Con Maria vi benedico!
Suor Antonia, felice FMA

Scrivi un commento
Non ci sono ancora commenti a questa notizia.
Lascia per primo un nuovo commento!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.