Le vacanze sono l`illusione di fuggire dal quotidiano?

Le vacanze sono l`illusione di fuggire dal quotidiano?

Attualmente una parte del globo è in vacanza, un'altra parte continua nell'impegno lavorativo. Pertanto, la missione educativa delle fma viene vissuta con modalità differenti, ma sempre con un unico desiderio apostolico.

Vogliamo riflettere, indipendentemente dalle diverse stagioni, sul significato di "vacanza", che etimologicamente allude alla dimensione della libertà, del riposo ma anche a qualcosa che è mancante; rimanda ad un'assenza, a uno svuotamento, pertanto nella parola si nasconde il significato di "fare il vuoto", di "spezzare" nel pieno della routine quanto si vorrebbe continuare a ripetere. Ciò che manca in definitiva è il lavoro, le fatiche e le preoccupazioni di sempre.

Nel termine anglosassone "holiday" è racchiusa l'impronta sacra dello svuotamento indicato; gli "holidays" sono i giorni sacri, quelli nei quali il Signore si riposò, forse per ricordarci che la sospensione dell'attività, in alcuni periodi dell'anno, è un bene. Senza la vacanza non ci sarebbe creatività, non ci sarebbe la possibilità di percepirsi dentro il tempo, un tempo da considerare ancora sacro e inviolabile, per essere maggiormente consapevoli che il tempo scorre e che siamo chiamati a vivere intensamente ogni frammento di esistenza che ci viene regalato.

Giovanni Paolo II affermava: " Le molteplici occupazioni e i ritmi accelerati della vita rendono talora difficile coltivare la dimensione spirituale. Le vacanze estive, però, se non vengono 'bruciate' nella dissipazione e dal semplice divertimento, possono diventare un'occasione propizia per ridare respiro alla vita interiore". Tuttavia, molti sostengono che le vacanze sono l'illusione di fuggire dal quotidiano; facendo un viaggio a ritroso, che ripercorre il bisogno umano di spostarsi, sino ad arrivare ai nostri giorni, e che conduce le coscienze verso una riflessione più profonda sulla necessità e le aspettative delle vacanze, ci si chiede allora se le vacanze rappresentino veramente, per l'uomo moderno, la libertà di esprimere il proprio io con tutta la sua creatività. Non c'è una risposta univoca, forse occorre riscoprire il prezioso significato insito nel periodo delle ferie e comprendere che il vero senso della vacanza parte e si realizza da un cambiamento interiore: attraverso l'ascolto delle personali necessità, inquietudini, desideri. Quanto indicato è urgente per evitare che il tempo di riposo si traduca in ulteriore frenesia, perdendo l'opportunità di trasformarsi in "tempo creativo".  

Ecris un commentaire
Il n'y a pas de commentaires pour cette entrée.
Soyez le premier à laisser un commentaire!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.