Con il cuore e lo sguardo ancora a Rio

Con il cuore e lo sguardo ancora a Rio

Gli eventi vissuti da milioni di giovani durante la Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro, sono stati ricchi di significato per chi ha partecipato e per chi ha seguito a distanza.

Tutti i discorsi di papa Francesco, i suoi inviti, le parole dette con forza ed entusiasmo hanno riempito il cuore di una Chiesa che cerca strade nuove e nuovo coraggio per continuare la sua opera di Evangelizzazione.

L'entusiasmo dei giovani, la loro voglia di incontrarsi con coetanei dei diversi continenti, i loro sorrisi, il loro sapersi adattare alle situazioni, agli imprevisti, il loro desiderio di iniziare ad essere protagonisti, hanno restituito alla Chiesa vigore, forza, coraggio.

Suor Runita Borja, consulente dell'Ambito per la Pastorale Giovanile per il quale segue in particolar modo il Movimento Giovanile Salesiano, descrive in breve che cosa questa esperienza le ha lasciato:

«La prima impressione che ho avuto è che i giovani hanno risposto con grande entusiasmo all'invito della GMG. In primo luogo, sono rimasti affascinati da Papa Francesco. In loro era forte il desiderio di incontrarlo, di ascoltarlo e per questo non hanno badato alla stanchezza o ad altri inconvenienti. Ma il loro impegno nell'ascolto l'ho potuto costatare anche durante le catechesi che si sono svolte al mattino durante la settimana. I giovani erano attenti ai vescovi che li interpellavano su diverse questioni. Era quello che stavano cercando: capire veramente come la Chiesa dia risposte significative alle domande che hanno nel loro cuore.

Un'esperienza molto bella per me è stata quella di salutare tanti giovani incontrati per strada, nei posti dedicati alla catechesi, in Copacabana. Sempre abbracci, sorrisi, preghiera e canti insieme, ci si sentiva parte di una grande comunità, di una grande famiglia.

I giovani del MGS hanno mostrato lo stesso entusiasmo. Parlando con loro, si nota la loro grande gioia nel sentirsi parte di un movimento mondiale. Molti di loro hanno espresso il desiderio di diventare veramente missionari tra i loro coetanei, cercando il modo di condividere in maniera efficace la bellezza e la gioia di avere un rapporto personale con Gesù».

Ecris un commentaire
1 commento
21/08/2013 06:01:14 - Maria del C. Bobadilla E.

No he tenido la dicha de estar presente en MJM, pero he seguido todos los momentos que mi trabajo me ha permitido. Y continúo leyendo, reflexionando y gozando, y rogando para que los jóvenes no olviden los "retos, las invitaciones" que Papa Francisco les ha hecho personalmente a cada uno; porque él fue a Brasil, para ellos. Y conociendo la sociedad actual a la que pertenecemos seguidora de tantos dioses, los ha enviado para que le muestren al verdadero Dios, Sean MISIONEROS con la vida y con la Palabra. El Espíritu del Señor estaba allí y pidamos , hoy, para ellos y para nosotros para que sepamos acompañarlos en la MISION que les fue encomendada.Suor Runita, ¡gracias y felicitaciones!


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.