Donne e l’agenda per lo sviluppo post-2015

Donne e l’agenda per lo sviluppo post-2015

Roma (Italia). Dal 22 al 24 maggio si è tenuta a Roma nella sede della Domus Pacis, la 2ª Conferenza Internazionale sulle Donne organizzata, come la 1ª Conferenza, del 2009, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, in collaborazione con l'Unione mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche (UMOFC/WUCWO) e con la World Women's Alliance for Life and Family (WWALF). La Conferenza ha affrontato il tema "Donne verso l'agenda per lo sviluppo post-2015: quali sfide dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS)?".
Ai partecipanti all'incontro, oltre cento, provenienti da contesti culturali e sociali dei cinque continenti è stato offerto uno sguardo sulle principali questioni contemporanee che investono la donna a livello mondiale.
Per l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice hanno partecipato suor Alessandra Smerilli che ha collaborato alla realizzazione e animazione dell'incontro e come invitata suor Julia Arciniegas per la Commissione Giustizia, Pace e Integrità del Creato.
La prima giornata di venerdì 22 maggio si è strutturata in 3 panel che hanno preso in esame alcune di tali questioni, nevralgiche per la donna oggi. Si è partito da una analisi dell'antropologia femminile messa a confronto con la cultura moderna, che ha gettato una luce sui recenti, sempre più incisivi, mutamenti semantici dei termini di riferimento.
Il secondo panel ha preso in considerazione  il tema dell'educazione e del ruolo delle donne oggi in questo campo, che da sempre è a loro particolarmente congeniale. Ci si è soffermati sul ruolo delle donne come educatrici, di donne e uomini; all'alleanza fra uomo e donna, al loro reciproco rispetto e alla loro amichevole cooperazione, al dialogo e all'amore al fine di scongiurare la violenza e la prevaricazione. Si è parlato inoltre del dialogo interreligioso come via per una pace duratura e al ruolo delle donne in questo contesto.
La 2ª Conferenza Internazionale sulle Donne intendeva soprattutto offrire un contributo che possa essere di utilità anche nel quadro delle negoziazioni in corso per la nuova agenda per lo sviluppo post-2015. I gruppi di lavoro si sono soffermati ad analizzare le principali aree tematiche delineate su quelli che verranno a configurarsi come gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS). La questione della donna è, infatti, trasversale e cruciale per la maggioranza delle attuali proposte di OSS: la donna svolge un ruolo chiave nella riduzione della povertà, della fame nel mondo, nell'educazione, ma è anche la custode della vita in ogni sua fase.
Di qui l'importanza che le donne cattoliche, rappresentante nell'UMOFC, nella WWALF e non solo, facciano "sentire la loro voce" all'interno della comunità internazionale prima del Vertice di Capi di Stato e di Governo che si svolgerà a New York nel mese di settembre sulla UN Post-2015 Development Agenda, ma, soprattutto, che il frutto del loro lavoro sia un segno di riconoscenza verso Papa Francesco, che nel messaggio loro inviato a scritto: «A voi, che siete impegnati nella difesa della dignità delle donne e nella promozione dei loro diritti, vorrei chiedere di lasciarvi guidare dallo spirito di umanità e di compassione nel servizio al prossimo. La competenza professionale sia la prima fondamentale qualità, ma senza individualismo, senza mero attivismo, bensì con impegno generoso. Così farete emergere i doni incommensurabili di cui Dio ha arricchito la donna, facendola capace di comprensione e di dialogo per ricomporre i conflitti grandi e piccoli, di sensibilità per sanare le ferite e prendersi cura di ogni vita, anche a livello sociale, e di misericordia e tenerezza per tenere unite le persone. Questi aspetti, insieme ad altri, fanno parte di quel "genio femminile" che è necessario possa manifestarsi pienamente, a beneficio di tutta la società».

 

 

Ecris un commentaire
1 commento
06/06/2015 02:06:39 - LUZ MARINA RESTREPO ROBLEDO

Felicitaciones por tan importante Encuentro. Hoy más que nunca la Mujer es líder y protagonista del presente y futuro del Desarrollo de todos los Países en el mundo. Luz Marina Restrepo Robledo Presidenta Federal Exalumnas Nuestra Señora de Las Nieves (Bogotá-Colombia).


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.