Centro di promozione della donna

Centro di promozione della donna

San José (Costa Rica). Il CECAM.MM, Centro di Capacitación de la Mujer “Maria Mazzarello” è un programma sociale che ha come scopo l'attenzione prioritaria alla promozione della donna. È gestito dalla comunità FMA di San José dell'ispettoria del Centro America Sud (CAR) e ha sede nel Collegio Maria Auxiliadora.

Il Centro si propone di accompagnare le donne nell'impegno di scoprire le loro potenzialità in modo da poter assumere gradualmente l'essere protagoniste coscienti della costruzione di una società più umana.

Il centro è uno spazio aperto alla diversità interculturale che cerca di dare risposte alle necessità di accoglienza e accompagnamento di molte donne immigrate a causa della povertà e/o della guerra.

Viene offerta una proposta educativa chiamata IPEC (Istituto Professionale di Educazione Comunitaria) che si propone di sviluppare in modo efficiente e efficace programmi, progetti e altre espressioni proprie dell'educazione degli adulti, per soddisfare le necessità di base di apprendimento della popolazione caratterizzata dall'esclusione del sistema educativo formale in un ambiente di ineguaglianza sociale.

Ma è anche uno spazio di evangelizzazione dove si propongono i valori evangelici e la promozione integrale della donna.

In sintesi, la proposta educativa del CECAM MM è organizzata intorno a quattro aree:

Area accademica, con percorsi scolastici dalla scuola primaria fino alla maturità; Area di apprendistato, con laboratori, distinti per livelli di competenze: taglio e cucito, estetica, cucina, contabilità, confezione di oggetti di bigiotteria ecc.; Area delle catechesi, con preparazione ai sacramenti offerta agli adulti e formazione umano-cristiana basata sui valori evangelici; Asilo “Michele Magone”, che ospita bambini di diverse età, figli e figlie delle donne impegnate nei diversi corsi e attività. Questa accoglienza è supportata dal Servizio Sociale degli studenti della scuola secondaria del Collegio María Auxiliadora e da volontari che si prestano per un sostegno nello studio, per attività prescolastiche, formazione umana, manualità e spazio ludico secondo le diverse età.

Il centro si pone come fine quello di “formare buoni cristiane e onesti cittadini”. Scrivono le sorelle: «La missione principale del centro è essenzialmente quella di offrire alle donne autoctone e immigrate lo spazio e l'opportunità di accedere all'educazione e promozione integrale, ogni domenica, incrementando le loro possibilità di inclusione nella società, sviluppando le proprie potenzialità spirituali e bio-psico-sociali per il loro inserimento progressivo e positivo nell'ambito lavorativo.

La visione è quella di stabilire reti e alleanze strategiche con distinti enti e organismi ecclesiali, educativi, governativi e privati per potenziare, qualificare e accompagnare il processo».
Le donne che fino ad ora hanno frequentato sono settecento e la loro età va dai 15 agli 85 anni, autoctone e immigrate, con scarse risorse economiche.

Scrivi un commento
Non ci sono ancora commenti a questa notizia.
Lascia per primo un nuovo commento!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.