Lettera della Madre per le sorelle del Cile

Lettera della Madre per le sorelle del Cile

La Madre, appena rientrata dal suo viaggio in Timor, e prima di ripartire per Haiti, ha scritto una lettera di solidarietà per le sorelle del Cile che vivono un momento di sofferenza e solidarietà con il popolo cileno a causa del terremto del 27 febbraio scorso:

Carissime sorelle,
mentre mi trovavo in visita a Timor-Est, in data 27 u.s. un forte terremoto ha scosso il Cile colpendo sei regioni della nazione. Uno tsunami ha successivamente sommerso una parte della costa. Dopo Haïti, un sisma terribile ha toccato anche le presenze dell'Istituto in terra cilena. Ho subito mandato un messaggio all'Ispettrice, suor Aurelia Rossi, e alle sorelle dell'Ispettoria San Gabriele Arcangelo per assicurare la nostra unione nella preghiera e la solidarietà dell'Istituto in questo momento di sofferenza.

Le sorelle sono state fortemente toccate dall'esperienza per la forza straordinaria del terremoto e i danni che hanno subito le nostre case. Parecchie scuole sono da ricostruire totalmente o in gran parte, in particolare nelle città di Santiago, Talca, Molina, Santa Cruz, Linares ... .

Questo periodo coincide con la ripresa dell'anno scolastico. Rimane difficile prevedere attualmente come e quando una gran parte delle scuole potrà essere aperta per accogliere alunni e studenti. Il popolo non si perde di coraggio ed è deciso a ricostruire il Cile. Parecchie famiglie delle sorelle hanno perso la casa e i beni.

Durante il Capitolo generale XXII abbiamo deciso un orientamento sulla povertà pensando alla situazione mondiale che stiamo vivendo e alla nostra missione tra i più poveri. In questi ultimi mesi parecchie calamità naturali ci hanno colpite interpellando la nostra solidarietà nei confronti di coloro che hanno perso tutto. Il richiamo è forte a lasciarci toccare dalla povertà condividendo ciò che siamo e abbiamo. Crediamo che Gesù può ancora moltiplicare i pani e i pesci per sfamare la folla di cui Egli sente compassione. È nel nostro cuore che Gesù sente compassione per quanti hanno perso tutto.

La nostra preoccupazione per il Cile, come per Haïti, è che le scuole possano funzionare per rispondere ad un bisogno vitale della società in vista del presente e del futuro. Siamo certe che il Signore non abbandona il suo popolo e che ha cura particolarmente dei piccoli: bambini/e, ragazzi/e e giovani che hanno fame e sete di educazione.

Mentre continuiamo a sostenere le nostre sorelle di Haïti, cercheremo di venire in aiuto anche alle comunità del Cile. Alla fine del mese di marzo, l'Economa generale, Suor Vilma Tallone, si recherà sul posto per discernere con l'Ispettrice, suor Aurelia Rossi e con le sorelle dell'Ispettoria, come continuare il cammino, come avviare il futuro per le scuole, che sono state molto danneggiate.

Si studieranno tutti i progetti fattibili per venire in aiuto alle comunità educanti che sono nella necessità.

A nome delle sorelle del Consiglio vi ringrazio per tutti i gesti di solidarietà che ci hanno commosse. Sono un segno dello nostro spirito di famiglia che porta a condividere a partire dalla nostra povertà.

Siamo riconoscenti al Signore per il dono prezioso della vita di tutte le sorelle. Tutte sentono la responsabilità di continuare a donare totalmente per la missione la loro vita, che è stata custodita e protetta in modo speciale.

Alle sorelle del Cile, come a quelle di Haïti, assicuro il nostro sostegno mediante la preghiera e la solidarietà della nostra famiglia.

Vi auguro una buona continuazione del cammino quaresimale verso la Pasqua: la nostra vita sia un segno della presenza di Gesù risorto nel mondo, quale fonte di speranza incrollabile. Maria Ausiliatrice vi custodisca e vi sostenga nell'amore.

Con affetto grande e viva riconoscenza.
Madre Yvonne Reungoat

Ecris un commentaire
2 commentaires
16/03/2010 - Sr. Runita

Grazie, Madre, per la tua vicinanza alle tue figlie. Alle nostre sorelle e comunità educanti del Cile, mi unisco a voi in questo momento difficile. Vi ricordo nella mia preghiera, perché questa situazione susciti iniziative di coraggio e di solidarietà. E` un tempo provvidenziale per sentirci figli e figlie del Padre, e quindi fratelli e sorelle. Maria Ausiliatrice vi faccia sentire la sua presenza materna.

15/03/2010 - Ir Ercilde, BPA

Obrigda querida Madre Yvonne pela missiva na qual nos comunicou noticias da situação das casas e das irmãs do Chile, tão provadas na enorme catástrofe em consequencia do terrremoto ocorrido em 27 de fevereiro. A comunicação e as informações nos ajudam mantermo-nos ainda mais unidas às irmãs e ao povo atingido nas castástrofes que ultimamente vão se acontecendo de forma muito frequente. Rezamos também pela sua viagem e visita. Que Maria Auxiliadora nesta novena que se iniciou hoje assom como São José, Patrono do Instituto continuem protegendo fortemente a todos nós, mas especialmente às irmãs e a Familia Salesiana do Haiti e Chile. Abraço e preces


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.