Echi profondi della festa del Grazie!

Echi profondi della festa del Grazie!

Tokyo (Giappone). Riprendiamo alcuni stralci interessanti di una lettera che l'Ispettrice, suor Francesca Yukiko Wakamatsu, ha inviato recentemente a tutte le sorelle dell'ispettoria. «Adesso è tempo di fare appello a tutte le nostre energie … Questo è anche il significato dello slogan della festa del Grazie 2011: “ Coraggio, la luce brilla ancora!”

La gente giapponese sta camminando verso il futuro, verso la ricostruzione del nostro Paese. Ci sono molte persone che, animate dalle parole: “Coraggio Giappone!”, vanno avanti con speranza in prospettiva del futuro. È una bella notizia sentire che i giovani, che spesso diciamo svogliati, stanno lavorando con ardore e dimostrano tanta sollecitudine». Suor Francesca, dopo aver riportato alcune esperienze che vedono come protagonisti i giovani, condivide con l'ispettoria il testo di un articolo in cui si rileva l'ammirazione verso il popolo giapponese da parte di altri Paesi. «E' un articolo che esprime la meraviglia sul comportamento di noi giapponesi subito dopo il disastro» rileva suor Francesca. E riporta integralmente l'articolo. «Dieci cose da imparare dal Giappone:

  • La calma. Neppure un'unica immagine di prostrazione o di dolore violento. Il dolore stesso è stato elevato.
  • La dignità. Code disciplinate di gente, sia per i servizi che per i negozi di alimentari. Nemmeno una parola né un gesto volgari.
  • L'abilità di architetti incredibili. Per esempio, gli edifici hanno oscillato, ma non sono caduti.
  • La delicatezza. La gente comperava solo quello di cui aveva bisogno al momento, in modo che sarebbe bastato per tutti.
  • L'ordine. Nessun furto nei negozi. Nessuno schiamazzo o disturbo per le strade. Solo comprensione.
  • Il sacrificio. 50 lavoratori stettero ore per pompare acqua marina nel reattore. Potranno mai essere ricompensati?
  • La tenerezza. I ristoranti diminuirono i prezzi. I forti hanno cura dei deboli.
  • L'allenamento. Sia gli anziani che i bambini: tutti sapevano esattamente che cosa competeva a loro fare, e lo hanno fatto.
  • I media. Hanno dimostrato grande sobrietà nelle notizie. Non ci sono stati reporter superficiali. Soltanto reportage contenuti.
  • La coscienza. Dopo che era mancata la luce, la gente rimise la roba sulla mensola e uscì con calma.

Quando leggo articoli come questo, conclude l'Ispettrice, sento che noi FMA dell'ispettoria giapponese siamo fortemente interpellate a vivere in pieno la nostra identità di FMA secondo la nostra cultura. A ben pensarci, questa vita onesta è qualcosa che ci è stato insegnato fin da piccoli dai nostri genitori e maestri. Quando Francesco Saverio mise piede in Giappone per la prima volta nel XVI secolo, egli rimase stupito per la rettitudine dei giapponesi e il loro senso morale: era la buona educazione impartita sia in famiglia che nella scuola. Si può dire che questa situazione seria, ha fatto ritornare la gente alla propria verità profonda. “Coraggio! La luce brilla ancora”. “Coraggio Giappone!”». 

Scrivi un commento
3 commenti
30/05/2011 - christine

Merci, Sr. Francesca, pour ton partage ! Je sens, que cette interpellation n’est pas seulement pour vous. En lissant tes paroles partagées, moi aussi je me sens fortement interpellées pour vivre pleinement notre identité de FMA selon vos valeurs vécues dans les épreuves. Nos jeunes ont besoins de ces exemples pour se réorienter dans leur recherche du sens de vie donnée.

29/05/2011 - elena fma

Grazie di vero cuore, sorelle care del Giappone, insieme ai `vostri` giovani e alla `vostra` gente: siete un grande esempio di civiltà dell`amore in questo tempo segnato da confusione e disperazione... Ci avete detto con l`esempio che al centro di tutto, anche delle tragedie più immani, ci sono le persone e la fraternità. Grazie... nell`azione educativa faremo conoscere ad altri popoli la vostra esperienza, perché è possibile!

28/05/2011 - Sr.Satowaki Franca

Sr.若松 今回の震災の意味を時々問われますが やはり山浦先生が先日テレビで話してくださったとおり、神様の前で「エロイ、エロイ、レマ サバクタニ!」というダビデ王の祈りを主と共にささげたいものです。 Sr.茅野から勧められて書きました。


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.