Giorni di grazia a Cotonou per la visita di Benedetto XVI

Giorni di grazia a Cotonou per la visita di Benedetto XVI

Cotonou (Benin). Condividiamo la testimonianza di suor Ana Victoria Ulate, che ci scrive dal Benin: «Questo è un anno di grazia per il popolo del Benin e per tutti gli africani. Papa Benedetto XVI ci visita e firma l'Esortazione pastorale “Africae Munus” per celebrare la chiusura dell'Anno Giubilare dell'evangelizzazione in Benin (150 anni) e per visitare la tomba del cardinal Gantin.

Tutti i bambini e i giovani delle opere delle fma qui a Cotonou si sono preparati a lungo a questo grande evento: parola del giorno, concorsi di canzoni, conferenze, dibattiti … Gli stessi giovani hanno chiesto di avere i sacerdoti per le confessioni e per preparare al meglio l'arrivo del Papa! Hanno lavorato per addobbare con decorazioni le aule che hanno ospitato i pellegrini. È stata una grande festa! Le ragazze delle nostre opere di "Casa della Speranza", del ristorante "Mamma Mia" e della scuola professionale "Laura Vicuña" hanno avuto il privilegio di essere invitate dal Nunzio Apostolico di Cotonou a preparare e servire i pasti per il Papa e per la delegazione vaticana! Che onore! E per noi è stata una gioia incontenibile poter servire il Successore di Pietro, come voleva Don Bosco.

Al ritmo dei tamburi e con i volti radiosi, le giovani hanno accolto il Papa venerdì 18 novembre. Lungo le strade abbiamo cantato, abbiamo pregato. Tutti ci siamo incamminati per partecipare al dono della presenza del Papa. Lo stesso giorno un gruppo ha partecipato alla preghiera dei Vespri con il Papa nella Cattedrale di Cotonou. Qui tutto respirava festa!

"Popoli di Africa, facciamo festa; popoli di Africa, Dio ci invita a diventare artefici di pace, di giustizia, di unità..." ecco le parole di un ritornello che abbiamo ripetuto senza stancarci!
Sabato mattina le suore della comunità sono state invitate a Ouidah, la storica città del Benin dove il Papa ha firmato l'Esortazione Apostolica e luogo dove si trova la tomba del cardinale Gantin. Suor Ausilia Vizzi, l'ispettrice, ha accompagnato le suore in questo importante momento di incontro del Papa con i sacerdoti, i seminaristi, i religiosi e le religiose.

Dopo pranzo siamo state presso la Parrocchia "S. Rita" di Cotonou per accogliere, ai lati della strada, il Papa! I bambini hanno resistito al calore e sono stati felici di vivere insieme questo momento di gioia per la Chiesa del Benin e dell'Africa. Di ritorno, i bambini stessi camminando gridavano, di propria iniziativa, espressioni inventate da loro, soprattutto rivolgendosi alle donne che vendevano al mercato: "Il Papa ha detto di non picchiare i bambini!". "Il Papa ha detto no alla punizione corporale". Un fatto che ci ha colpite, perché sono queste le sofferenze vissute dai bambini nei nostri quartieri. Ed essi lo hanno segnalato in forma spontanea!

Quel giorno il Papa ha parlato ai bambini come un buon catechista, invitandoli a far crescere sempre più la loro amicizia con Gesù, la preghiera e la fiducia in Maria. Domenica 20 novembre tutti siamo stati allo “Stadio dell'Amicizia” a pregare con i pellegrini e con il Papa! In questa Eucaristia il Papa ha offerto l'Esortazione Apostolica ai Presidenti delle Conferenze Episcopali di Africa. È stato un momento di preghiera e di grazia per tutti noi! Dio benedica il Papa e benedica i popoli dell'Africa».

Write a comment
1 commento
24/11/2011 - Suor Piera

Ci rallegriamo con voi per questo evento straordinario di Chiesa che avete vissuto da protagoniste! Immagino la vostra gioia e quella dei bambini e delle giovani. La visita del Papa segni nella Chiesa del Benin e di tutta l`Africa un nuovo cammino di speranza e di comunione.


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.