Il rispetto è un diritto sempre! Una giornata contro la violenza sulle donne.

Il rispetto è un diritto sempre! Una giornata contro la violenza sulle donne. Roma (Italia). La violenza sulle donne è una piaga che l'umanità non è ancora riuscita a sanare. Ancora non si sono raggiunti gli scopi per i quali la comunità si è messa in moto da tempo: eliminare la violenza nei confronti delle donne, ridonare al mondo femminile un ruolo che non sia più di sudditanza e di oggetto sul quale gli uomini sfogano la loro brutalità e la loro impotenza contro il mondo.

Continuano, purtroppo, a riempire le cronache i delitti atroci di femminicidio, forme di violenza che, esercitate sistematicamente sulle donne, ne annientano l'identità con l'assoggettamento fisico o psicologico, fino alla schiavitù e alla morte. Milioni di donne e bambine in tutto il mondo vengono aggredite, violentate, mutilate, perfino uccise in quella che rappresenta una delle più atroci violazioni dei loro diritti umani. Dal campo di battaglia all'ambiente domestico, per strada, a scuola, sul posto di lavoro e nella propria comunità, fino al 70% delle donne hanno vissuto un'esperienza di violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita. Circa un quarto delle donne incinte ne sono state colpite. Troppo spesso i responsabili rimangono impuniti. Donne e bambine hanno paura di parlarne apertamente data l'esistenza di una cultura di impunità. Occorre, pertanto, combattere la sensazione di paura e di vergogna che penalizza vittime che già hanno dovuto subire un crimine e devono, poi, anche confrontarsi con la condanna sociale che ne deriva.

Michelle Bachelet, Vice Segretario Generale e Direttore Esecutivo di UN Women, l'agenzia che l'ONU ha istituito di recente, ha affermato che, sebbene ci siano stati notevoli progressi nelle politiche nazionali volte a ridurre la violenza sulle donne, molto rimane ancora da fare. Più di cento paesi sono privi di una legislazione specifica contro la violenza domestica e più del 70 % delle donne nel mondo sono state vittime nel corso della loro vita di violenza fisica o sessuale da parte di uomini. La violenza, ha aggiunto il Direttore esecutivo, sta influendo negativamente sui risultati scolastici delle donne, sulle loro capacità di successo lavorativo e sulla loro vita pubblica, allontana progressivamente le società dal conseguimento di dell'obiettivo dell'uguaglianza di genere.

Con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e ONG ad organizzare attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica al problema in quel giorno. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Il 20 dicembre 1993 l'Assemblea Generale, con la risoluzione 48/104, ha adottato la Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Non possiamo nascondere che c'è ancora molto da fare. Per questo, anche nel 2013, tante istituzioni, scuole, associazioni e altri soggetti, stanno promuovendo varie iniziative di sensibilizzazione. Il 25 novembre è una giornata d'azione per denunciare il dramma della violenza contro le donne, impegno a non tollerare atti di violenza nei confronti delle donne e a promuovere il rinnovamento sociale in grado di cambiare i presupposti che costituiscono il terreno di cui la violenza si nutre. Sono stati organizzati incontri ed eventi in tutto il mondo , fasce della società in momenti semplici, ma carichi di significato, stimolando alla riflessione ed invitando ciascuno a portare il proprio contributo al contrasto della violenza.

La violenza non si combatte istituendo un “giorno contro”, ma operando 365 giorni l'anno attraverso cultura, educazione, sensibilizzazione!

Write a comment
There are no comments to this entry.
Be the first to comment!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.