Tavola rotonda in occasione della festa di Don Bosco

Tavola rotonda in occasione della festa di Don Bosco Roma (Italia). Il 29 gennaio, in Casa generalizia, si è svolta una Tavola rotonda dal tema "Con Don Bosco verso la celebrazione del Bicentenario della sua nascita". Presenti all'evento la Madre generale, M.Yvonne Reungoat e il suo Consiglio, oltre ad un considerevole numero di fma provenienti dalle case vicine, novizie, alcuni sdb e membri della Famiglia salesiana.

Dopo l'invocazione allo Spirito Santo e il saluto di benvenuto di suor Maria Luisa Miranda, Consigliera per la Famiglia Salesiana, Madre Yvonne ha introdotto l'evento e, richiamando l'Esortazione apostolica Evangelii Gaudium di papa Francesco, ha affermato: «Come Istituto siamo quella "Chiesa in uscita" mistica e profetica, in cui al centro c'è Gesù e i valori da lui proclamati e vissuti: l'amore, la giustizia, la pace, l'integrità del creato che sono fondamenti saldi di un mondo più umano... La Chiesa deve essere casa aperta per accogliere, ma anche incontrare l'umanità più sofferente». Ha concluso con un interrogativo: «Cosa implica per noi, chiamate alla sequela di Gesù con uno specifico carisma educativo, collaborare in questo tempo carico di sfide e di nuove opportunità, alla formazione di buoni cristiani e onesti cittadini?».

Suor Grazia Loparco, moderatrice della Tavola rotonda, ha tra l'altro affermato: «Se la dimensione sociale non viene debitamente esplicitata, si corre sempre il rischio di "sfigurare il significato autentico e integrale della missione evangelizzatrice"(EG, n. 176): la prospettiva dell'Evangelii Gaudium sulla dimensione sociale dell'evangelizzazione proietta una luce sul tema del Capitolo Generale 23° delle fma, Essere con i giovani casa che evangelizza. I due motivi fanno da sfondo a questa Tavola rotonda in prossimità della festa di Don Bosco, che quest'anno attira la nostra attenzione sulla sua spiritualità. La concretezza della carità vissuta dal nostro Fondatore ci interpella». Ha fatto pure notare lo scopo della riflessione offerta nella serata: approfondire insieme il senso della presenza e della missione delle fma nella società alla luce del cammino della Chiesa e dell'Istituto, chiamati a rinnovarsi.

L'intervento di Mons. José Rodriguez Carballo, OFM, segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, sul tema Una Vita consacrata appassionata per il Regno di Dio e la sua giustizia, ha riscaldato il cuore e la mente dei partecipanti. Due gli aspetti dell'identità della Vita Consacrata su cui si è soffermato: Passione e Giustizia. La passione come innamoramento, consegna, amore senza limiti, ma anche sofferenza, radicalità, compassione. «È necessario coltivare una forte spiritualità centrata sulla vita, - ha sostenuto Mons. Rodriguez Carballo - che fa essere mistici e profeti, discepoli missionari, una spiritualità apostolica. La giustizia per il Regno, che è impegno a favore di chi soffre ingiustizie, è avere sensibilità, sguardo umano che si pone domande, non è stanco e ordinario, e porta ad opzioni concrete».
Al termine dell'intervento c'è stato un dialogo-confronto che ha dato modo di approfondire ulteriormente alcuni aspetti sottolineati.

Don Vito Orlando sdb, vice-rettore della Pontificia Università Salesiana di Roma, ha presentato il tema Chiamati ad evangelizzare oggi i giovani, nei nuovi scenari del mondo, sulle orme di Don Bosco. Dopo una rapida presentazione dei nuovi scenari del mondo e dei giovani di oggi, ha puntualizzato alcune attenzioni necessarie per evangelizzare sulle orme di don Bosco: la capacità di intuire e leggere i cambiamenti culturali e le esigenze educative, la riflessione e il dialogo con i giovani per cogliere la loro sete di senso, di verità e di amore, la capacità di coniugare esperienze forti con i cammini ordinari della vita, attivare veri «laboratori della fede» per aiutarli a crescere e irrobustire nella vita spirituale.

Con lo sguardo ai giovani, il canto a don Bosco e l'augurio della Madre di una gioiosa festa del santo Fondatore, si è concluso l'incontro, cui ha fatto seguito un momento di scambio di saluti informale in spirito di famiglia.

N.B. Gli interventi saranno disponibili a breve sul sito dell'Istituto nella sezione Banca Dati.

Scrivi un commento
3 commenti
31/01/2014 20:19:11 - ir. angela silva

Que lindo ver a vida que que cresce no nosso Instituto, o ser casa aberta para acolher a todos. Que o sejamos de fato, e assim ajudar os jovens a crescer no amor a Cristo.

31/01/2014 19:09:39 - Ir. Maria Helena de Loiola

Como é bom estarmos em REDE porque, mesmo de longe, podemos participar dessa grande riqueza que é o Instituto. Só temos que agradecer à Madre Yvonne pelas ricas reflexões e pedir a Dom Bosco sua intercessão junto a Deus e Maria Auxiliadora por todas nós que levamos adiante esse Carisma procurando atender aos grandes desafios do "Hoje".

31/01/2014 18:01:11 - Annalisa

Credo che Don Bosco sia sempre più attuale e vivo in mezzo a noi. "Buoni cristiani e onesti cittadini" è il grido di speranza di tanti che ancora credono nell'educazione. Grazie Madre anche per questo momento di riflessione


OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.