Lavorando per l`empowerment dei giovani.

Lavorando per l`empowerment dei giovani. Ginevra (Svizzera). Al Centro Internazionale delle Conferenze di Ginevra, cuore internazionale della diplomazia, nei giorni 17 e 18 febbraio, rappresentanti dell'Ufficio dei Diritti Umani fma, (IIMA) a Ginevra hanno incontrato le ambasciate di Burkina Faso, Ecuador e Cile per discutere sull'empowerment dei giovani. L'obiettivo di questi incontri è stato quello di riflettere sul ruolo dei giovani come promotori di un cambiamento nella società a partire dai diritti umani.

È un impegno difficile, quello di coinvolgere le Missioni Permanenti a Ginevra. Ci sono tanti interessi dietro, relazioni tra Paesi, ci sono leggi nazionali e impegni internazionali. L'obiettivo di IIMA e VIDES è di provare a mettere tutti d'accordo su un tema così importante come quello dei giovani, per sensibilizzare i governi a investire sul futuro.
L'empowerment dei giovani, attraverso l'esercizio dei diritti umani, potrà portarli ad assumersi, consapevolmente, un impegno civile e politico. Il supporto dei governi è cruciale per creare spazi d'azione per i giovani, attori chiave nel processo di crescita sociale e politica.

BURKINA FASO, nell'Africa Occidentale, qui i giovani rappresentano una larga parte della popolazione e la preoccupazione è l'inserimento lavorativo dei giovani. Da alcuni anni è nato il Ministero della Gioventù che porta avanti progetti pilota per dare orientamento alle politiche giovanili: formazione, microcredito, project management. L'idea è che i giovani non siano soltanto inseriti in strutture già decise e predisposte, ma imparino a fare e, attraverso il principio del learning by  doing, diano il loro contributo all'implementazione di progetti e nuove idee.

ECUADOR, preoccupazione principale del governo è la formazione: l'importanza della qualità  degli insegnanti e dell'educazione. Con rammarico si constata che il governo ha accantonato le politiche giovanili per questioni di  politica nazionale. Punto di partenza è il dialogo intergenerazionale: giovani e adulti che interagiscono in uno scambio trasversale e pieno, attraverso la valorizzazione
dell'esperienza condivisa, lo sviluppo dell'esempio e la promozione delle buone pratiche.

CILE, l'attenzione e le politiche del governo cileno hanno due target importanti, al momento: "niños y mujeres". Preoccupanti i dati circa il grado di violenza, il livello di criminalità e la situazione precaria di donne e bambini in Cile. I diritti devono essere rivendicati, e i governi devono anche preoccuparsi della forma con cui i giovani lottano per la rivendicazione di questi diritti. Non devono essere lasciati soli, ma devono essere accompagnati nel loro percorso di formazione e di crescita, affinché siano coscienti e consapevoli degli impegni che vanno ad assumersi. Per la prima volta si parla di giovani!

Tre Paesi diversi, per posizione geografica, cultura, tradizioni, lingua, religione e storia. Tre Paesi mossi da interessi diversi. Ciascuno la propria politica, ciascuno i propri bisogni. Tre Paesi concordi nell'affermare che i giovani sono risorsa preziosa per il presente e seme di crescita per l'umanità del futuro.

L'appuntamento è per il Side-event che IIMA e VIDES hanno organizzato per Marzo, durante la 25° sessione del Consiglio dei Diritti Umani. "Youth Empowerment" sarà il tema; i giovani, diretti interessati, saranno i protagonisti.

Scrivi un commento
Non ci sono ancora commenti a questa notizia.
Lascia per primo un nuovo commento!

OK Su questo sito NON utilizziamo cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici e/o per il monitoraggio degli accessi. Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante OK presti il consenso all'uso di tutti i cookie.